Cara Ragazza spero stia Bene: Tornando a casa ieri notte in Via nastro azzurro…

Erano circa le 23 e 30 di ieri sera  e stavo tornando a casa dopo la solita giornata di Napoli  a bordo della mia vespa marchiata “www.lelloacone.com” quando in via Nastro Azzurro nei pressi di quella fattoria Agricola con la coda dell’occhio riesco a malapena (era buio ed in curva) un’ombra ed un motorino a luci spente  fermo ed in moto. Non ci ho pensato su più di tanto mi son fermato e mi sono avvicinato (col senno di poi e a freddo ho pensato che poteva benissimo trattarsi di qualcosa di più spiacevole come se ne sentono tante in giro ma volte in un attimo si decide il da farsi, quante volte si sente dire se cercano di rubarti dai tutto e salva la vita poi devi vedere come reagisci al momento). Ed ho constatato che si trattava di una ragazza che qualche istante prima era caduta con il motorino, che, abbagliata da fari di un’autovettura, mi dirà poi, aveva perso il controllo del mezzo) e le si vedeva in faccia che era tanto impaurita oltre che sentiva  dolore per le ferite, menomale solo sbucciature, ma son quelle che bruciano di più, riportate. Ma la cosa più pericolosa era che si trovava in curva ed al buio e quindi possibile soggetto a nuovi incidenti (quanti pazzi in giro a quell’ora) ed allora ho fermato la vespa con luci e frecce accese nei suoi pressi e l’ho aiutata a spostarsi al bordo della careggiata prima lei e poi il motorino. intanto ho cercato di prestare assistenza a quella ragazza chiedendoLe se voleva andare in ospedale e chiamare il 118 (diceva anche che aveva picchiato con la faccia in terra e le faceva male un po’ il naso) o magari chiamare qualche congiunto cosa che poi fece, disse che era di Meta e che lavorava a sant’agata. Nel frattempo visto che il motorino nell’impatto aveva anche perso la scocca sottostante il motore che non cadeva perchè trapassata da un cavo elettrico vietando la possibilità di circolare al motorino mi chiese anche di come ovviare. non avendo nè attrezzi ne materiale per primo soccorso nè acqua (son cose che tutti dovrebbero portare sempre con se) visto che nella casa lì vicino c’era una luce accesa ho pensato di chiedere aiuto a qualcuno. Ho provato a chiamare ed è venuta fuori una signora gentilissima a cui ho spiegato l’accaduto (lei aveva sentito il botto ma non pensava si trattasse di un incidente) e si è immediatatamente data da fare. Prima ha portato acqua e zucchero alla ragazza che cominciava ad essere un po’ più tranquilla, poi ha portato ovatta ed alcool, un po di spago che le avevo chiesto per legare la scocca caduta e permettere al motorino di ripartire ed una bottiglia di acqua per pulire le ferite della ragazza che preferiva l’acqua all’alcool. E mentre alla luce del faro della mia vespa si compivano queste operazioni di primo soccorso ma soprattutto di dare un po’ di tranquillità alla ragazza ancora scossa, arrivavano gli amici della ragazza, chiamati prima, che continuavano a rassicurarla, si informavano della dinamica dell’incidente e delle condizioni della ragazza epoi uno la faceva salire sul suo scooter l’altro piano piano ripartiva con il motorino incidentato. Ed io, ripartivo verso casa, dopo aver ringraziato la signora, e contento di aver fatto qualcosa di utile e non voglio nemmeno pensare a cosa sarebbe potuto essere successo  se non mi fossi fermato e quella ragazza, sola, sbucciata ed impaurita fosse rimasta ancora al buio da sola in quella curva ed in mezzo alla strada in quella condizione non certo scevra da pericoli. Mi fermo qui, rileggendo quel che ho scritto vedo tante volte le parole “signora” e “ragazza” mi piacerebbe dare un nome a quelle parole. per adesso penso solo alle parole della canzone de I pooh, Cara sconosciuta, che dicevano tra le righe : “Cara sconosciuta, più bella e colorata peccato che il viaggio continua. …….di un tuo mezzo dolore di ieri  che dalle guance è caduto giù  questa canzone nuovissima l’hai scritta tu”.
buona giornata
lello 
Cara Ragazza spero stia Bene: Tornando a casa ieri notte in Via nastro azzurro…ultima modifica: 2008-07-15T09:00:00+02:00da naufragotriste
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento